IL MENU DELLA TAVOLA TORINESE


Torino è patria dello Slow Food e centro di importanti manifestazioni enogastronomiche. 
Quali sono i piatti della cucina torinese ai quali non si può rinunciare e che dovete assolutamente assaggiare?

Si comincia sgranocchiando i grissini, invenzione tutta torinese! I grissini torinesi si chiamano Rubatà ed hanno una forma irregolare perché sono girati a mano uno ad uno.

L’antipasto parte con i peperoni in bagna caoda, il vitel tonnè e le zucchine in carpione. Sapori forti, gusto avvolgente, un’esperienza da fare senza pregiudizi!
Vitello tonnato

Passando ai primi, una delle specialità della cucina piemontese sono i tagliolini, pasta fresca lunga all'uovo, chiamati tajarin.
In alternativa, si possono preparare gli agnolot del plin, piccolissimi agnolotti di pasta fresca con ripieno di carne, ottimi con il sugo di arrosto.

Il bollito misto alla piemontese è cucinato con 7 tagli di carne di manzo, vitello, pollo e cotechino; è accompagnato da 7 salse: il bagnèt verd, il bagnèt ross, l’agliata, la sausa d’avije, la sausa del dijau, la Cugnà e la sausa del povrom. Un bollito che non annoia!
Se amate l’azzardo, potete provare il fritto misto alla piemontese! Va mangiato bollente e la varietà degli ingredienti della frittura vi stupirà, soprattutto  gustando i diversi abbinamenti tra salsiccia, mele, amaretti, scaloppine, cervella, fiori di zucca, crocchette di pollo, fegato, semolino dolce…

Il dessert torinese è il  Bonet, il tipico budino torinese al cioccolato ed amaretti, cotto al forno.

Foto budino tipico torinese
Bonet