Officina del gas in Vanchiglia


I Gasometri sono monumenti di archeologia industriale. In passato i gasometri venivano utilizzati per accumulare il gas, prodotto prima per gassificazione del carbone,  successivamente tramite cracking del petrolio. Tale gas veniva utilizzato sia per usi domestici, sia per l'illuminazione pubblica delle città. A Torino, nel 1837, le tre compagnie di illuminazione e gas si unificarono nella "Società Italiana per il Gaz" con sede produttiva in borgo Vanchiglia, tra i campi coltivati intorno alla Dora, collegata a corso Santa Barbara oggi Corso Regina Margherita.

gasometri a Torino
gasometri

Nel 1862 viene costruito Vanchiglia, lo stabilimento della Società Consumatori Gas-Luce chiamata "Officina del gas in Vanchiglia": l'area ha pianta rettangolare e contiene forni, sala di depurazione e tre gasometri. Dal 1885, l'area viene ampliata e fornita di palazzo della direzione e palazine di uffici. 
Nel 1925 la Società Consumatori Gas-Luce si fonde con Italgas dando vita alla Società Torinese per l'Industria del Gas e dell'Elettricità, STIGE.
Il "gas di città" ed i gasometri hanno perso il loro ruolo a causa della diffusione del gas metano.